Tecnologia

L'interno della Server Farm di SpinIl forte concept che ha guidato la realizzazione della nuova server farm ha implicato l’adozione di statement tecnologici altrettanto forti e chiaramente definiti.

Anzitutto si è perseguito il più alto valore percentuale di business-continuity e quindi è stata data particolare attenzione alle scelte in merito all’alimentazione elettrica: è stato predisposto un collegamento diretto alla centrale stradale di Acegas-APS con capacità di 80 KWatt, saltando a piè pari le connessioni già esistenti nell’edificio ospitante. Tale collegamento è stato poi interrato per evitare fenomeni di aggressione superficiale accidentale (dovuti a scavi o altri lavori), vandalismi e sabotaggi.

All’interno, i singoli armadi rack che contengono le apparecchiature attive dispongono tutti di doppi percorsi di alimentazione, in modo da evitare il fail di singoli componenti. Ciascun armadio ha una doppia alimentazione indipendente dagli altri e uno dei due percorsi è realizzato in continuità assoluta. Ogni altra apparecchiatura è alimentata da una propria linea dedicata, in modo da garantire la selettività in caso di guasto al singolo dispositivo. Il circuito di illuminazione normale è formato da tre file di corpi illuminanti (una per ogni corridoio), di tipo fluorescente con cablaggio elettronico. Il circuito di illuminazione di sicurezza è formato da 5 lampade da 24 W con sistema integrato di autotest della funzionalità.

È naturalmente presente un adeguato generatore di continuità e dei gruppi locali alimentati a batteria: insieme garantiscono assoluta indipendenza dalle fluttuazioni e interruzioni di rete elettrica.
Per i collegamenti alla rete IP sono state fatte analoghe scelte strategico-tecnologiche: anche in questo caso i collegamenti sono interrati e giungono direttamente ai pozzetti di connettività stradale. Essi sono inoltre ridondati in tutto il loro percorso: la connessione a Internet avviene su due diversi Neutral Access Point ubicati a Milano (MIX e MINAP) per i collegamenti diretti verso l’Italia, e due punti di accesso differenziati anche per il collegamento internazionale. La tratta Trieste/Milano viene coperta tramite collegamenti diretti a 34 e 100 Mbps.

In generale dunque tutte le scelte tecnologiche sono state fatte in nome della ridondanza, unica metodologia capace di garantire davvero la continuità di servizio.
Sul fronte del raffreddamento, la sala dati è equipaggiata con un sistema di condizionamento ridondato che garantisce il necessario ricambio di aria e la completa costanza termico-ambientale. Una particolare tecnica denominata Free Cooling legge la temperatura esterna tramite una sonda e, se rileva che l’aria naturale è sufficientemente fredda per raffrescare l’ambiente tecnico, la utilizza al posto di quella raffreddata artificialmente dal condizionatore: in questa maniera si effettua sia un risparmio economico che un’azione di contenimento dell’impatto ambientale.

Survey Virusbullettin

A seguito degli importanti upgrade del servizio Safe Mail e’ stata rinnovata la partnership con virusbullettin dove contiamo di raggiungere [...]

Novità sul filtraggio antispam

E’ stata implementata con successo un importante evoluzione che arricchisce la modalita’ di filtro antispam sui servizi MTA [...]

Nuove funzionalità filtraggio antispam

Abbiamo introdotto la funzionalità di whitelist del mittente sul filtraggio degli allegati. I mittenti whitelistati avranno la [...]
[tutte le notizie]